In evidenza

Ultima Notizia

Ultimo Comunicato

17 Set 2015

Assistenza legale per il procedimento di recupero su prescrizioni inappropriate

1 - atto di conferimento del mandato ed informativa privacy ( allegati da scaricare ) sottoscritti dagli interessati; 2 - fotocopia di un documento di identità; 3 - la nota di...

leggi il comunicato
Errore
  • XML Parsing Error at 1:341. Error 9: Invalid character
  • XML Parsing Error at 1:128. Error 9: Invalid character

Da IL CORRIERE DELLA SERA - ediz. Milano del 24 Agosto 2012

MEDICI GIUDICATI IN BASE AI CONTI di ALBERTO SCANNI ( ex Direttore INT di Milano )
Una volta un medico era giudicato bravo se curava bene gli ammalati, era capace di fare diagnosi, li visitava con attenzione, li seguiva nel decorso della malattia, usava umanità e disponibilità. Oggi non è più così.
Oggi il medico, che sia di famiglia, o che lavori in ospedale viene giudicato dal sistema non per le caratteristiche suddette, ma, soprattutto, per la capacità di far risparmiare. È diventato il controllore della spesa sanitaria.
Ippocrate, medico greco, che millenni or sono, voleva un medico votato solo al benessere dell`ammalato oggi si rivolterebbe nella tomba. Non più dunque il rispetto di un giuramento («...in tutte le case che visiterò entrerò per il bene dei malati....»), ma l`applicazione di regole di economia per contenere i costi.
Al medico vengono dati dalla Regione limiti di spesa: gli esami e le prestazioni non devono incidere più di una certa cifra e se lavora in ospedale gli viene conferito un budget di spesa al quale si deve attenere, pena un giudizio negativo sul suo operato. Poco o nulla viene valutata l`umanità e la vicinanza al malato, il tempo che gli dedica, gli atti consolatori verso di lui o la sua famiglia. Per non parlare delle enormi incombenze burocratiche, scaricate in questi ultimi anni sul medico, che tolgono tempo alla assistenza, e degli scrupoli che gli procurano le prescrizioni di farmaci necessari ma costosi. E schiacciato tra regole e libertà di coscienza. È vero che non deve sperperare, deve essere accurato nelle prestazioni, deve avere un minimo di capacità manageriali. E' altrettanto vero che a volte si sono date cure e prestazioni con leggerezza, che alcuni medici non si comportano al meglio, ma ciò che il sistema pretende sempre più dai medici, e che non ha niente a che fare con la buona medicina, è un po` troppo. Si sta facendo di tutto per impoverire il vero senso dell`atto medico e incrinare il rapporto tra medico e paziente. Bisogna dunque ribadire con forza che sono prioritari i valori umani dell`atto medico e non le incombenze di carattere economico che vengono «affibbiate» ai medici che possono anche accettare di fare i contabili, ma non oltre certi limiti.

L'Opinione - In difesa del medico di famiglia di Luciano Randazzo - 24 agosto 2012 POLITICA

Fin dove si potrebbero spingere le politiche riformatrici d'un governo tecnico composto d'autocrati d'altissimo profilo tecnico? Questa domanda se la stanno ponendo in tanti da circa nove mesi, certi che l'eliminazione di alcuni viatici non risolva il problema economico italiano. Dal 16° secolo c'è memoria scritta della tradizione romana del viatico, cioè la comunione amministrata ai moribondi, e con essa quelle cure che pongono il medico cristiano nello stesso solco che fu del pagano Esculapio. Eppure il medico di famiglia a cui sono abituati gli italiani potrebbe estinguersi. La maggioranza della popolazione non vuole che anche il medico di famiglia, per una scellerata quanto incosistente politica sanitaria, possa scomparire. "Ce lo chiede l'Europa" non basterebbe a giustificare la scomparsa della figura del medico. La nostra tradizione romantica ci ha abituato ad apprezzarlo, a farlo diventare un nostro caro amico che ci accompagna nei momenti difficili. Quando per quel bene primario che è la nostra salute inizia un cammino che non vorremmo mai compiere. L'eliminazione del medico di famiglia equivarrebbe all'ennesima scelta calata sulla nostra Italia da una politica asservita alle scelte europee. Eppure il medico di famiglia, figura sempre troppo poco considerata, è d'importanza primaria, è l'avamposto della medicina. Quella vera, difficile, autentica. Che sta fuori dalle ovattate stanze dei primariati. Scevra dall'inquinamento politico, anche se ora sta subendo forti aggressioni che ne vorrebbero corrodere il ruolo. Non è demagogia. I fatti ci danno ragione. E siamo certi che gli ingorghi al pronto soccorso saranno il primo risultato di questo futuro stravolgimento. Già da qualche anno s'assiste a sistematici attacchi al ruolo, alla professionalità, alle competenze del medico di famiglia. Attacchi spacciati per tutela degli interessi dei cittadini. Grazie a queste campagne demagogiche, il medico di famiglia rischia di finire a spasso. Pur non avendo seguito corsi specifici, grazie al suo buon senso e a tanta pazienza, fronteggia ansie e malcontenti dei pazienti. I dati ci dicono che il medico di famiglia riduce di oltre l'80 % i carichi del pronto soccorso: evidentemente è scelta europea trasformare i nostri nosocomi in quartieri a mezzo tra lazzaretti e corti dei miracoli. Dal medico della mutua, tanto esaltato da Alberto Sordi nella cinematografia della Prima Repubblica (certamente con buona dose di verità), si è passati al "medico di base", e in ossequio alla cosiddetta "medicina democratica". Anche il medico doveva essere l'espressione di una democrazia partecipativa: in Italia tutti sono diventati "di base" dagli insegnanti ai genitori, quindi anche il medico ci stava bene nella visione di Pci e Cgil di fine anni `70. Ma, superata quella fase, è stata trovata una tranquilla definizione: più serena e domestica, quella di medico di famiglia. E nel momento in cui la famiglia era al centro degli interessi pubblici (elettoralistici) di tutte le fazioni. Oggi, pur rimanendo inalterato il nome (tanto la famiglia va sempre bene e ci tocca il cuore) il medico di famiglia è divenuto un burocrate statalista che, anzichè interessarsi ai problemi sanitari dei suoi assistiti (quelli quotidiani, i più spinosi, dove l'attenzione deve essere sempre alta) deve svolgere funzioni meramente amministrative (oltre a sostituirsi alle carenti strutture ospedaliere). La burocrazia entra sempre di più nello studio del medico di famiglia, facendogli assumere il ruolo di dipendente statale, e in barba al contratto collettivo nazionale: è bene ricordarlo, non configura un rapporto di lavoro subordinato, il medico di famiglia è un incarico libero professionale. Il medico di famiglia trascorre buona parte del tempo non più ad effettuare visite, a valutare le varie terapie, ma a prescrivere. Svolge insomma il lavoro cui è preposto, ed è in gioco anche la sua dignità. Non è dignitoso per il medico di famiglia dover dare informazioni circa le varie cerificazioni su cui ruota gran parte del suo tempo, avere contatti diretti con i vari datori di lavoro per i certificati medici di malattia, dover usare più il computer che il fonendoscopio: tutto con dispendio di tempo, e riesce a svogere il proprio lavoro con orari a di poco estenuanti. Orari che farebbero innorridirire l'ultimo degli impiegati statali: le statistiche parlano chiaro, almeno quelle derivanti da fonti ufficiali e non quelle false pubblicate dai mass media di sistema. Hanno dovuto abbandonare l'antica arte medica per abbracciare, senza volerlo e loro malgrado, la burocrazia statale. Qualcuno obietterà che tutto questo è senz'altro a vantaggio del cittadino. Niente di più falso. Tutto è a vantaggio della Pubblica Amministrazione che, non riuscendo più a gestire nulla (come avviene in tanti settori della cosa pubblica) delega al medico di famiglia ogni rogna sanitaria, burocratizzandolo ogni giorno di più. A proposito,la retribuzione è sempre la stessa, e alla faccia dei premi alla professionalità montiana. L'ultima in ordine di tempo, e dopo le cerificazioni on line, porta il medico di famiglia (secondo gli ultimi provvedimenti legislativi) obbligatoriamente ad indicare nella prescrizione medica il principio attivo: in Italia tutto diventa obbligatorio quando si vuole dare risalto a qualche intervento. La libertà del farmaco finisce in farmacia, salvo motivare in caso diverso. Per la prima volta si impone l'obbligo di motivazione al medico, e per una scelta che rientra nella sua valutazione e nella sfera della sua libera discrezionalità. Motivazione significa anche controllo sulla scelta del sanitario. Controllare significa sopratutto inibire la liberta della scelta farmacologica, l'atto più esclusivo della professione medica. Non si vuole fare il panegirico del medico di famiglia. Semplicemente spiegare che non si può appaltare per legge la libertà di cura alle lobby, elidendo di fatto la libertà di medici e pazienti. Ed in questa rivoluzione non vi sarà nemmeno un centesimo di risparmio, solo aumento di confusione sanitaria: quindi la già tristemente nota malasanità. Si ringraziano a nome degli italiani i medici seri e scrupolosi: ce ne sono, nonostante la favola sui presunti malcostumi con case farmaceutiche. Non ultima quella di un solone della farmacologia, molto noto per le continue partecipazioni a salotti televisivi, che continua a svolgere il proprio difficile lavoro con abnegazione, tanta competenza, soprattutto serietà. Al senatore Ignazio Marino, anche lui medico, ma di un altro ambiente, vorremmo ricordare la scarsa percentuale di incidenti professionali in cui sono coinvolti i medici di famiglia: quindi invitarlo a visitare (anche solo qualche volta) lo studio d'un normale medico di famiglia che onora la propria professione.

 

LA BUONA SANITA’ LA FA IL BUON MEDICO

 

Una volta il buon medico lo si distingueva per il buon nome che si faceva.

Si costruiva negli amici quel nome per le capacità, la disponibilità, la cultura, la responsabilità che sapeva assumersi, l’umanità che riusciva a esprimere.

Era solo la gente che gli dava il meritato accreditamento attraverso un lungo continuo processo di valutazione.

La stima dei pazienti era il lievito del suo orgoglio.

Ora tutto sembra essere diverso.

I percorsi si scandiscono non tanto sulle doti specifiche quanto sull’abilità di sceglier la collocazione piu’ opportuna.

Le valutazioni si fanno piu’ sulle capacità di organizzare e sul risparmio di risorse, che sulle qualità delle competenze  professionali.

Noi siamo convinti invece che la buona sanità la fa il medico piu’ che la buona struttura.

La qualità della salute la garantisce  il buon professionista piu’ che il buon impiegato.

Rimane comunque sconcertante il fatto di veder passare in secondo piano  gli aspetti clinici e umani della professione.

E il buon medico continuerà a soffrire l’avvilimento di meriti non riconosciuti.

 

 

Da: RISCATTO MEDICO – Un viaggio nella storia dello Snami di Bruno Conti

 

 

inserimenti recenti

Recupero quote - Disposto in tempi brevi il recupero per gli assistiti deceduti

Continua il procedimento per il recupero di presunte quote indebitamente percepite; visti i tempi molto ristretti concessi per l'opposizione, si raccomanda di scaricare dall'intranet aziendale l'elenco scelte/revoche, disponibile dal 1.4.2005, per eventuali controdeduzioni. Vanno...

Assistenza Primaria

Servizi Snami

  • Consulenza Assistenza Primaria
  • Consulenza Dirigenza Medica
  • Consulenza Legale
  • Consulenza Fiscale
  • Consulenza Assicurativa

consulta in dettaglio

Convenzioni Snami

Informazioni di Contatto

Snami Avellino
Viale S. Modestino

 Mercogliano (AV) - Italy

Tel. e Fax: +39.0825.35550
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

contattaci subito
Visite: 143902Membri attualmente on-line: 0Ospiti attualmente on-line: 2